GIZZERIA LIDO – Campionati Mondiali di Kitesurf

Gizzeria – Cinque giorni di festa all’Hang Loose Beach, punto di ritrovo per tutti gli appassionati di Kitesurf, che dal 25 al 29 Luglio si incontrano ogni anno sulla spiaggia di Gizzeria Lido, tra il sole e il vento del Golfo. Parte così il campionato mondiale Ttr World Championships 2018 che, tra personaggi illustri e 59 sportivi provenienti da 20 Paesi di tutto il mondo, intrattiene e diverte con acrobazie e spettacoli di vario genere. In particolare durante la cerimonia di apertura, dopo il benvenuto agli atleti, si sono susseguiti diversi spettacoli ed esibizioni della tradizione calabrese con la banda musicale di Gizzeria e un gruppo folkloristico locale.

Oltre ai tanti campioni rinomati, tanti i giovani che si sono affacciati da poco a questo sport e che vedono nella manifestazione sportiva una possibilità di crescita personale anche grazie alle ottime condizioni climatiche, perfette per praticare Kitesurf.

Proprio dell’idea di aprire questo centro sportivo per sfruttare al meglio le condizioni favorevoli del territorio ci parla Luca Valentini, proprietario della struttura:
«È la passione che mi ha spinto a venire qui a Gizzeria per realizzare questa struttura dove non c’era nulla. Le condizioni del vento e del mare erano eccezionali per la pratica di questo sport e ciò mi ha portato a realizzare una struttura che desse ospitalità a tutta quella gente appassionata di Kitesurf e windsurf e anche alle loro famiglie. Oramai sono 13 anni che siamo qui e da 10 anni la Federazione Internazionale ci assegna degli eventi internazionali per organizzarli e portarli a termine nel migliore dei modi.»

Vanina Puteri, una delle organizzatrici dell’evento, parla poi di Kite per tutti, un progetto che due anni fa è nato dall’esigenza di aiutare i ragazzi disabili a praticare Kitesurf:
«È il caso di Alessandro, un ragazzo sui 16 anni che a causa di un incidente in moto è rimasto costretto sulla sedia a rotelle e che ha voluto, per sua volontà e sua scelta, continuare a fare Kitesurf […] Quindi grazie ad un confronto con persone disabili che praticano Kitesurf siamo riusciti a trasmettere ad Alessandro le nozioni necessarie per praticare questo sport, anche se su una sedia, in completa sicurezza.»
Dopo questo caso, infatti, anche altri ragazzi hanno deciso di intraprendere questa avventura nonostante le proprie disabilità. Inoltre, durante il mondiale due atleti disabili provenienti dalla Svizzera e dall’Olanda faranno una dimostrazione anche per avvicinare più ragazzi e chiunque voglia approcciarsi a questo nuovo sport.

Inoltre, il mondiale quest’anno sarà sostenuto da una nuova Startup, la Best Crumbs che – conclude la Puteri – sarà «all’insegna del sociale, produce dell’abbigliamento sportivo e destina il 100% dei suoi proventi per la realizzazione di scuole di Kitesurf in tutto il mondo, soprattutto per togliere i bambini dalla strada, spingerli verso la pratica del nostro sport e dare loro un riscatto sociale.»

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*